Domenico Battaglia Badò e Gianni Serra . 

Due artisti , due maestri che stanno scrivendo un tragitto contemporaneo in tour anche nelle città siciliane . 

Dopo il grande successo di Artistic Vision, i due maestri hanno donato alla città di Avola due opere per arricchire il meraviglioso  Palazzo di Città , sede di eventi e del Comune che ospita prestigiosi eventi.

A ricevere la donazione sono intervenuti  il Sindaco Dott. Giovanni Luca Cannata e l’Assessore alla cultura Avv. Simona Caldararo insieme al
Presidente del Contea Caravaggio Museum Mariagrazia Minio , accompagnata dal suo gruppo con le ambasciatrici dell’arte Silvana Di Paola e Patrizia Loreto. 

Badò – nome d’arte di Domenico Battaglia, nasce a Catania nel 1946, dove si diploma presso l’Istituto d’Arte. Nella città di Palermo si abilita all’insegnamento del disegno e della storia dell’arte. Ha insegnato decorazione pittorica e diretto i laboratori del disegno professionale presso l’Istituto Statale d’Arte di Catania. Pittore, scultore, grafico, incisore, attento conoscitore dei monumenti e della storia della propria città. 

Partecipa attivamente a mostre collettive di respiro regionale nazionale e internazionale a Palermo, Messina, Roma, Catania, Firenze, Pisa, Spoleto ,Ginevra, Lille, Lussemburgo , Zurigo , Berna , Praga , Sofia, ecc. incontrando sempre più consensi di critica e di pubblico, che gli permettono di essere presente in qualificate collezioni pubbliche e private in Italia ed all’estero.

Direttore Artistico del Contea Caravaggio Museum, ha Lavori visibili anche in opere pubbliche nella sua città , sia alle Biblioteche Riunite “Civica e A. Ursino Recupero” e al Palazzo degli Elefanti Comune di Catania.

Gianni Serra – artista siciliano nasce ad Augusta in provincia di Siracusa dove vive e lavora. Diplomato all’Accademia di Belle Arti, è attratto dalle forme geometriche alle quali cerca di dare una matericità tridimensionale: nasce così la sua ricerca su materiali inusuali come la pietra lavica, l’acciaio, l’alluminio, la gomma liquida, il vetro, il gesso, lo stucco e le vernici ferromicacee che mischiati, accostati e sovrapposti tra di loro, riescono ad esprimere sensazioni artistiche che si possono interpretare e individuare nelle opere da lui realizzate. Lo schema sul quale lavora è l’astratto geometrico; i suoi si possono definire dei quadri-scultura nei quali le linee e le forme vengono pensate e costruite scrupolosamente, seguendo regole progettuali ben precise. I ritmi e gli equilibri che Serra rigorosamente crea, sono pensati per riuscire a conferire nell’immediato, una lettura emotiva e artistica dell’opera.

La ricerca artistica di Serra è incentrata su alcune tipologie di lavoro come le Colate, Le cuciture, Le geometrie materiche e i bianchi.                                                                                                                                                      

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *