L’arte è provocazione, è stupore, è stimolo a guardare le cose in modo diverso, a riconsiderare la realtà, a comprendere che realtà è la rappresentazione soggettiva di una verità che ognuno di noi percepisce in modo diverso dall’altro. Non esiste un canone estetico universale, magari può esistere un canone estetico collettivo che si impone sugli altri, ma ciò vale nella misura in cui quella collettività è dominante sulle altre ma è una dominazione caduca.

Venerdì 17 settembre ore 18 Palazzo della cultura, Messina.Artisti invitati: Felipe Cardena, Svetlana Grevenyuk, Sara Baxter, Sadif, Gimaka, Michele D’Avenia, Fabio Carmelo D’Antoni, Roberta Dallara, Silvana Chiozza, Sabrina di Felice, Alessandro Follo, Room 23, Giuseppe Pizzardi, Ma Lin, Scoot Mecfarland, Paitangi, Saturno Buttò, AI wei wei, Damien Hirst, GAS collettivo d’arte indipendente.

Previous post Celestino Mesa al Museo di Belle Arti, Santa Cruz De Tenerife, dal 1o Settembre al 14 Ottobre 2021
Next post La Madonna dei Palafrenieri di Michelangelo Merisi, a cura di Alessio Fucile Critico e storico Dell’ arte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *